Recensione Fitbit Versa

€229
8.5

Design e Costruzione

9.5/10

Display

8.0/10

Caratteristiche e OS

8.5/10

Monitoraggio

8.5/10

Batteria

8.0/10

Pros

  • Leggero e comfortevole
  • HRM integrato
  • Resistente all'acqua
  • App e notifiche

Cons

  • No GPS
  • Fitbit Pay non compatibile con tutti i dispositivi

Ecco il tentativo di Fitbit di superare il flop di Ionic con un dispositivo come il Versa che punta al futuro confidando nel prossimo aggiornamento per offrire novità interessanti

Recensione Fitbit Versa

Il 2018 si apre con la presentazione di un nuovo smartwatch, il Fitbit Versa, che ha l’ambizione di sostituire il Fitbit Ionic ed il Fitbit Blaze, andando a colmare tutte le lacune che questi due dispositivi hanno mostrato nel corso della loro (più o meno) onorata carriera. Il Fitbit Versa nasce proprio con questo obiettivo, come affermato da James Park, CEO di Fitbit, il quale ha ammesso che il lavoro fatto con lo Ionic non è stato soddisfacente tanto che dopo soli 7 mesi è uscito questo nuovo smartwatch che vuole anche provare a coinvolgere gli utenti Pebble e adeguandosi ai nuovi trend con un design dalle linee più delicate rispetto a quelle più ‘rigide’ dello Ionic.

Per chi stesse cercando il Versa online, segnaliamo che la versione gold rose, costa quasi il 40% in meno degli altri colori. Per gli amanti della moda.

Design

Design Fitbit Versa

Partiamo proprio da qui, dal design del nuovo Fitbit Versa. Come abbiamo detto le linee sono più arrotondate, la cassa è in alluminio e il corpo è completamente in metallo; anche i tre tasti laterali sono più morbidi e una forma arrotondata. Questo smartwatch è molto leggerlo, sottile (11.2mm) e ha un display da 1.34”, più piccolo dello Ionic ma comunque sempre sufficientemente ampio e chiaro nella lettura. Al polso il Versa è molto comodo, mai fastidioso, ed è disponibile in diverse colorazioni per tutte le esigenze. Nella versione standard il cinturino è in silicone colorato, ma sono disponibili anche cinturini dal design più elaborato anche in pelle e metallo, permettendo una grande personalizzazione anche per diversi stili di abbigliamento.

Cinturini Fitbit Versa

Tornando al display abbiamo notato un’ottima chiarezza figlia anche della risoluzione di 300x300px e della luminosità superiore a 1000nits. Il Fitbit Versa è uno smartwatch impermeabile, con una resistenza fino a 50mt di profondità ed è il terzo dispositivo dell’azienda a poter essere utilizzato in piscina. Nonostante le risposte negative del team di Fitbit il design del Versa riprende molto le linee dei dispositivi Pebble e non è da escludere che la scelta sia fortemente non casuale.

Caratteristiche tecniche

 

Caratteristiche tecniche Fitbit Versa

Tra le novità del nuovo Fitbit Versa troviamo subito la presenza del sensore SpO2 che introduce la misurazione della saturazione dell’ossigeno nel sangue, offrendo quindi una misurazione anche più precisa e specifica e ampliando le potenzialità dei dispositivi wearable, come da trend 2018 del settore.

Nonostante sia uno smartwatch orientato agli amanti e praticanti del fitness si nota un’assenza piuttosto importante: quella del sensore GPS. Un dispositivo che si voglia considerare completo e competitivo non può mostrare questa lacuna e sia sul breve che sul lungo periodo, nonostante presumibilmente un prezzo più basso, potrebbe rivelarsi una scelta sbagliata, soprattutto considerando tutta l’altra componentistica hardware di cui questo modello è dotato.

Allenamento Fitbit Versa

Dal punto di vista del fitness il Fitbit Versa permette di monitorare diversi tipi di allenamenti tra cui la corsa, il nuoto, la ginnastica, il ciclismo e lo yoga, grazie alla possibilità di rilevare il numero di passi compiuti, le calorie bruciate e la qualità del sonno. Il Versa è un dispositivo che svolge egregiamente il proprio lavoro ma per coloro che non cercano un tipo di rilevazione professionale, per la quale, soprattutto negli allenamenti più intensi, qualche mancanza si percepisce.

Il Fitbit Versa è dotato, ma solo nella versione commercializzata in Europa, del sensore NFC, mentre negli Stati Uniti è un sensore presente solamente nelle Special Edition dello smartwatch. È prevista l’integrazione con la tecnologia Fitbit Pay ma è una possibilità ancora in via di sviluppo e non del tutto funzionante.

Menu display Fitbit Versa

La fruibilità delle funzioni e lo scorrimento all’interno dei vari menu è molto buona e comprensibile, ma si ha l’impressione che manchi sempre qualcosa, soprattutto volendo pensare al Fitbit Versa come un’alternativa ad Apple Watch dedicata agli utenti Android; ma questo aspetto lo analizzeremo meglio nelle conclusioni.

Completano le caratteristiche tecniche del Fitbit Versa la presenza del Bluetooth 4.0, del Wifi, del giroscopio a 3 assi, dell’accelerometro a 3 assi, del sensore di luce ambientale, dell’altimetro e dell’immancabile sensore per il monitoraggio del battito cardiaco.

Caricabatteria Fitbit Versa

Ottima l’autonomia del dispositivo, che arriva a oltre quattro giorni come dichiarato anche da Fitbit in sede di presentazione del modello, anche se pesa leggermente la proposizione di un nuovo, ennesimo, modello di caricatore, che è un misto tra quello del Fitbit Blaze e quello del Fitbit Charge 2.

Fitbit Versa: uno smartwatch al femminile

Una peculiarità del Fitbit Versa, primo dispositivo wearable ad integrare questa caratteristica, è la possibilità di monitorare i cicli mestruali, cogliendone i sintomi e fornendo un quadro completo della situazione. Questa funzione sarà accessibile tramite un aggiornamento che dovrebbe essere rilasciato in estate; per cui non è stato possibile testarlo, ma sembra essere un settore sul quale Fitbit voglia puntare molto, permettendo un’integrazione tra il calendario e il monitoraggio della frequenza cardiaca.

Fitbit OS 2.0

Fitbit OS 2.0

Fitbit Versa ospita la nuova versione del sistema operativo proprietario, ovvero Fitbit OS 2.0, una versione rinnovata sia nella veste grafica che nelle funzionalità. Da una parte si è un po’ limitati nell’impossibilità di condividere i propri dati su Apple Healt e Google Fit, ma dall’altra c’è la possibilità di installare app di terze parti da utilizzare insieme a quelle fornite da Fitbit, anche se per il momento la selezione tra le quali scegliere è piuttosto limitata.

Una funzione molto interessante è quella offerta da Fitbit Coach con tre differenti allenamenti di base tramite i quali essere introdotti nei vari esercizi e attività fisiche da svolgere. Sottoscrivendo un abbonamento premium Fitbit Coach offrirà anche allenamenti personalizzati con video tutorial e audio che spiegheranno passo passo gli esercizi da svolgere.

Con il Fitbit Versa al polso si avrà un controllo H24 del battito cardiaco, un monitoraggio del sonno e, nell’analisi delle prestazioni del proprio allenamento e delle proprie condizioni di salute, non manca anche il celebre VO2 max.

Software Fitbit Versa

Per quel che riguarda l’allenamento il software del Fitbit Versa conserva in memoria i dati dei movimenti per 7 giorni e quelli dell’attività quotidiana per 30 giorni, permettendo di analizzarli, confrontarli e vedere i cambiamenti in atto.

Un punto di merito del Fitbit OS 2.0 è la compatibilità con le diverse piattaforme: non solo Android, ma anche Windows Phone e iOS. In questo senso abbiamo apprezzato anche la possibilità di ricevere le notifiche sul display dello smartwatch (tramite collegamento allo smartphone) e l’integrazione, sempre dal prossimo aggiornamento, di risposte rapide da inviare dallo smartwatch allo smartphone.

Conclusioni

Si potrebbe concludere che il Fitbit Versa è per molti, forse troppi, aspetti un cantiere ancora aperto. Forse la fretta di superare il Fitbit Ionic ha portato al rilascio di un modello non del tutto completo dove solo futuri aggiornamenti (di cui Fitbit già parla) permetteranno a questo modello di rendersi particolarmente interessante, nonostante assenze significative, come quella del sensore GPS, che nessun aggiornamento potrà rimpiazzare.

Valutazione Fitbit Versa

Manca un modello di riferimento per gli utenti Android, così come l’Apple Watch lo è per gli utenti iOS, e molti avevano sperato che il Fitbit Versa potesse esserlo; da una parte forse è un po’ prematuro trarre ora queste conclusioni ma sembrano mancare gli elementi per poter immaginare un successo di questo tipo.

È possibile acquistare su Amazon il Fitbit Versa ad un prezzo di circa 229€ ed è disponibile nelle colorazioni Viola, Nero, Carbone, Grigio e Pesca con un prezzo nella norma per dispositivi di questa categoria.

Concludendo il Fitbit Versa è un modello estremamente interessante e con notevoli potenzialità che però lascia un po’ interdetti per le lacune dimostrate, soprattutto per la fretta con la quale Fitbit ha voluto presentarlo per superare il flop del Fitbit Ionic e che si pensava avrebbe potuto offrire un livello lievemente superiore a quello che realmente si è riusciti a raggiungere.

2 pensieri riguardo “Recensione Fitbit Versa

  • 12 aprile 2018 in 10:43
    Permalink

    grazie per recensione, sono interessato soprattutto agli insights: ovvero ai consigli che da fitbit in base agli allentamenti, al sonno, etc. come è attualmente questo scenario?
    grazie

    Risposta
  • 26 aprile 2018 in 19:12
    Permalink

    Ottima presentazione, mi chiedevo ha anche allenamenti specifici come cyclette ed ellittica?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.